QUELL’IRRESISTIBILE OGGETTO DI “CUL”TO

VenereCallipigiaPartendo dall’aforisma di Oscar Wilde secondo il quale: ” Un fondoschiena veramente ben fatto è l’unico legame tra Arte e Natura”  oggi dedico un post a tutti i feticisti di questa lussureggiante parte del corpo.

Oggetto del desiderio ed oggetto d’arte ha ispirato pittori, scultori, cineasti, designer fin da epoche lontane. La prima opera che mi viene in mente è la “Venere Callipigia” ossia la dea dalle belle natiche  rinvenuta nella Domus Aurea e risalente all’epoca dell’imperatore Adriano. Espressione di indubbia sensualità, la scultura in marmo oggi esposta al Museo Archeologico Nazionale di Napoli, rappresenta la dea dell’Amore e della Bellezza nell’atto di ammirazione del proprio fondoschiena.

Divagando su natiche ed arte non si può che citare  uno dei suoi più conosciuti estimatori: Tinto Brass che oltre ad avergli dedicato gran parte della sua cinematografia, ne ha anche pubblicato un vero e proprio elogio: un libretto di 30 pagine in cui affronta il tema da un punto di vista poetico, filosofico, politico, pragmatico, religioso, psicoanalitico, etico…

elogiobrassIl Maestro dell’Erotismo sul culo ha dichiarato:

E’ una vita che perlustro gli emisferi gemellari”

Sono gli americani i maniaci delle tette. Lo era Federico Fellini, certamente. Io sono più un Ass Man. D’altronde era già tutto scritto nel mio cognome“.

Perfino religiosamente il culo è una rivelazione: è il tocco della Grazia che ti fa ritrovare la Fede originaria nella Donna a immagine e somiglianza di Dio [...] Per chi è ateo, agnostico o miscredente è comunque un miracolo della Natura, un piccolo frammento di Universo capace, come le Ninfee di Monet, i Girasoli di Van Gogh, le Bottiglie di Morandi, di dare un senso al non-senso dell’esistenza.”

Non sono poche le inquadrature dei suoi film che sembrano prendere ispirazione dalla “Venere allo specchio” di Velazquez:

anna-jimskaya-wp4-1280x915Velazquez-Venere-allo-specchio

Anche il mondo del design non è rimasto insensibile al fascino carnale di queste curve sinuose: Fabio Novembre ha progettato “Him & Her“:

Unknown-1

Il poliedrico Piero Fornasetti prendendo spunto da queste rassicuranti rotondità ha dato forma ad un originale portavasi “Tronco Femminile“:

Piero-Fornasetti-Tronco-femminile-anni-sessanta-courtesy-Archivio-Fornasetti_o_su_horizontal_fixed

E concluderei con un paio di foto scattate da un uomo che ha molto apprezzato ed esaltato il corpo femminile: Helmut Newton.

images-3

Fiddlehead Fern ARBEIT

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi

Lascia il tuo commento