CON QUALE SEXY LADY ROBOT DEL CINEMA FARESTE SESSO?

imageSettimana scorsa vi raccontavo della mia debolezza per i piaceri del cibo oltre che del pessimo rapporto con le palestre dove almeno potrei provare a smaltire i grassi in eccesso.

Va bene, vorrà dire che porterò con me tutta l’umanità d’esser godereccia, lasciando la perfezione alle sexy cyborg o alle nuove Love Doll.

Sexy, con corpi straordinari e senza sbalzi d’umore le ginoidi affascinano sempre, tanto che secondo un recente sondaggio il 18% crede che farà sesso con un cyborg entro il 2030, il 9% farebbe sesso con un cyborg, mentre il 42% considererebbe fare sesso con un robot come barare.

Vediamo un po’, prendendo il cinema come rappresentante dell’immaginario sociale, con quale di queste 5 sexy lady robot tutta celluloide e niente cellulite, fareste sesso?

1. MARIA (METROPOLIS, Friz Lang, 1927): IL FASCINO DEL VINTAGE D’ANNATA

Forse non sarebbe da mettere nell’Olimpo delle 5 più sexy ma essendo la prima donna robot della storia del cinema  sono sicura che molti cinefili bramerebbero congiungersi a questo prezioso esemplare di metallo vintage.

2. RACHEL (BLADE RUNNER,  Ridley Scott, 1982): L’EMOTIVA

Più dotata di emotività umana che di sex appeal artificiale Rachel, alias Sean Young, é una delle tre replicati, insieme a Zhora e Pris, del film Blade Runner

3. SAMANTHA (HER, Spike Jones, 2013): L’INTELLIGENZA SENZA CORPO

Samantha non può essere imperfetta fisicamente perché é eterea.

E’ intelligenza, ironia, voce suadente.

E’ una storia a distanza, dove la distanza é tra due mondi, mondo reale e mondo virtuale, ormai prossimi alla convergenza.

Samantha si può amare nella comfort zone dove tutto é più facile e ci si sente più al sicuro.

4.GALAXINA (GALAXINA, William Sachs, 1980): THE DREAM MACHINE

Ecco finalmente una sexy lady robot ad alto tasso erotico, anche perché interpretata da Dorothy Stratten, Playmate 1980.

La voluttuosa cameriera cyborg Galaxina la bella, Galaxyna l’intoccabile, rappresenta invece il corpo senza intelligenza.

 5. LE FEMBOT (AUSTIN POWERS, 1997): BIONDE, BURROSE E PERICOLOSE

Femme Fatale Robot create per sedurre e distruggere ( sempre che non incontrino l’uomo che con due mosse le seduca e le distrugga).

Condividi

Lascia il tuo commento