BDSM: CONOSCIAMOLO MEGLIO

Passin passetto vorrei arrivare a toccare argomenti un po’ più audaci cercando di trattarli con la massima delicatezza.

Mi chiedo in quanti conoscano l’acronimo BDSM.

Farei partire proprio da qui un breve post sul linguaggio legato a queste pratiche estreme.

655052c5cd5b4dda68ee615b3ff36850Dunque: BDSM: BONDAGE & DISCIPLINA, DOMINAZIONE & SOTTOMISSIONE, SADISMO E MASOCHISMO.

Come avrete capito il nucleo dei rapporti che intercorrono tra individui praticanti consiste in dominazione e sottomissione.

Protagonisti del gioco sono un Master (o una Mistress) ed suo Servant.

Domination’s the name of the game
In bed or in life
They’re both just the same
Except in one you’re fulfilled
At the end of the day

Let’s play master and servant
Let’s play master and servant

Cantavano i giovani Depeche Mode in questo brano che vi riporto in una ancora più sensuale cover dei Nouvelle Vague (mi chiedo solo perché tutte le versioni di questo grandissimo pezzo siano accompagnate da video orrendi!):

42b2aabe6fc720d59278dd8140796495Come la canzone accenna, il gioco può oltrepassare la durata dell’incontro sessuale. Praticando il 24/7 il sottomesso rimane soggiogato al potere del Master 24ore su 24, 7 giorni su 7. Non sono pochi i dominatori che riescono ad avere il proprio sub persino al lavoro, relegando loro il ruolo di assistente-suddito.

Alla base di questa relazione c’è sempre un contratto consensuale redatto e firmato da entrambi in cui sono fissate le regole e i limiti da rispettare. Sono principalmente due: l’ SSC ossia Safe, Sane, Consensual, oppure il RANCK , ossia Risk, Aware (consapevolezza dei rischi), Consensual, Kink ( comportamenti sessuali atipici, ai limiti della perversione).

Spesso vengono messe in discussioni anche l’utilizzo della  SAFEWORD, cioè la parola chiave che la persona può proferire per interrompere la pratica.

Solitamente la Safeword è viene definita con colori diversi per indicare appunto richieste differenti, o con gesti nel caso il sottomesso non sia messo nella condizione di parlare.

00dc8fc9931655d04abb50ecece6b76fSono in aumento i locali attrezzati per le pratiche BDSM. Quasi sempre fuori dai centri abitati per salvaguardare la privacy dei partecipanti e forniti di ogni tipo di strumentazione per la costrizione e l’immobilizzazione. Si chiamano DUNGEON  e sono vere e proprie prigioni sotterranee in cui poter dar sfogo ad incontri estremi.

Catene,corde,cuoio, palette e  manette, maschere e  fruste, strumenti di tortura borchiati… mi sembra ci sia tutto, pure troppo per i miei gusti.

Vado a slegare l’erotismo appeso per gioco alla croce di Sant’Andrea. Povero, tutto agghindato con abbigliamento fetish, ha iniziato a tremare  alla vista di certi arnesi poco gradevoli!!!

 

Condividi

Lascia il tuo commento