MASSIVE ATTACK TRA EROTISMO E PORNOGRAFIA

UnknownCi sono brani che in una playlist di musica erotica non possono mancare.

Si potrà prediligere il Metal, il Pop, la Disco, la Dance, il Classic Rock o anche l’Industrial, la Trance, e l’Alternative; ma ci sono sonorità che possiedono la chiave passpartout per entrare nelle camere da letto.

Tra questi brani universalmente sessuosi una manciata la si può estrarre dalla discografia dei Massive Attack, band britannica che ha fondato il genere hip hop.

Qualche esempio?

Innanzitutto quello che più ha smosso polemiche e scalpore per il video … Paradise Circus dell’album Heligoland (2010). 

images-1Il video, che in rete si può trovare solo su vimeo, ha contenuti talmente hard che neanche io in questo blog mi sento di pubblicare, per non urtare la sensibilità di nessun lettore.

La protagonista é Georgina Spelvin, una delle prime attrici pornografiche degli anni ’70 oggi ultrasettantenne. I Massive Attack hanno scelto di promuovere Paradise Circus mostrando le confessioni dell’attrice intervallate da immagini molto forti del suo più celebre film, Miss Jones di Gerald Damiano, regista anche di Gola Profonda.

Nel 2011 un duo canadese, Zeds Dead, ha presentato un remix del pezzo anch’esso promosso con un video molto hot, Ode 2011 (sempre e solo su vimeo…).

Ma il rapporto tra la band di Bristol e la pornografia non sembra finire qui… infatti 3D dei Massive Attack ed un membro dei Prodigy hanno curato la colonna sonora di Uranus Experiment un film porno-fantascientifico.

Mi sono un po’ troppo dilungata in questo post, accidenti… ma non posso non segnalarvi altri brani che ritengo essere “must” in una playlist di musica sensuale…

Inertia Creep e quasi tutto l’album Mezzanine (1998)

Antistar da 100th Window (2003)

e Weather Storm dall’album Protection (1994)

Chissà se questa sera all’Ippodromo del Galoppo di Milano, dove suoneranno dal vivo, si creerà la stessa atmosfera sensuale da talamo…probabilmente no ma sarà sicuramente uno spettacolo coinvolgente! Vi saprò dire!

Condividi

Lascia il tuo commento